Tavolino visto dall’alto, il tavolino si trova in un bar di un paesino nel nord della Spagna, e la mano che si vede è quella di Brian, un canadese grande e grosso, che a furia di camminare con i sandali, si è riempito i piedi di vesciche.

Ci eravamo fermati per bere un caffé e fumare una sigaretta, di solito io fumo Golden Virginia verde, ma quel giorno mi son dovuto accontentare del Pall Mall rosso, ma per me è troppo forte, metre Brian fumava sempre Marlboro rosse, anche se qualche volta, mi chiedeva se gli facevo una sigaretta, magari quando si andava a ballare da qualche parte e lui finiva le sigarette.

Ricordo che in quel bar c’era una strana atmosfera,  il paesino, contava solo qualche centinaio di abitanti e il bar aveva un arredamento fermo agli anni sessanta spagnoli, e se devo dirla tutta non era neanche un granché pulito e ricordo che il caffé faceva pure schifo, ma dopo quasi un mese che sei in giro da quelle parti, ci fai l’abitudine, e bevi caffé cha vanno dal “bevibile” allo “schifoso”, tanto che, quando finalmente trovai un bar gestito da italiani, e riuscì a bere un caffé come Dio comanda, mi pareva di non averne mai bevuti di così buoni, 2007, stampa a getto d’inchiostro su carta fotografica, 9 x 6,5 cm



english version

Lo stesso tavolino nello stesso bar, in un paesino della  Spagna, solo che ora Brian non c’è. Era andato in bagno a fare la cacca, non si sentiva bene già da qualche giorno, forse per via di qualcosa che aveva mangiato, e poi tutti sanno che caffé e sigarette hanno un effetto lassativo, 2007, stampa a getto d’inchiostro su carta fotografica,

9x 6,5 cm



english version

Un futbolin, sempre nello stesso bar di prima, nello stesso paesino in Spagna. Brian ed io volevamo giocare, ma il gestore ci disse che era rotto e non scendevano le palline, e poi andava ancora a “pesos”, e guardandolo bene, ci eravamo accorti che il campo aveva una conca al centro, il barista lo teneva solo perché era un ricordo degli anni d’oro di quel bar, quando nel 1982 si giocarono i mondiali in Spagna e tutti i bambini, davano, agli omini della propria squadra, i nomi dei giocatori, spagnoli e italiani. L’ottantadue, fu l’anno della vittoria dell’Italia e dell’urlo di Tardelli, ma il 1982, è anche l’anno di: Blade Runner, Rambo, Attila flagello di Dio,  E.T., Amici miei atto II, Rocky III, La Cosa, Pink Floyd – The Wall, Conan il barbaro, Pierino torna a scuola, Grand Hotel Excelsior, Bingo Bongo, 48 ore, Una commedia sexy in una notte di mezza estate, Creepshow, Tron, Vado a vivere da solo, Io Chiara e lo scuro, L’aereo più pazzo del mondo, Amityville possession, Il giustiziere della notte 2, e altri che ora non ricordo, ma non solo, sempre nello stesso anno i Sonic Youth, inventavano il Noise Rock, mentre La voce del padrone di Franco Battiato, raggiunge il milione di copie, apparirono i Duran Duran, uscì Pornography dei The Cure, Nebraska di Bruce Springsteen, The Number of the Beast degli Iron Maiden, e Thriller di Michael Jackson, che da allora ha venduto la bellezza di 104 milioni di copie, per non parlare del debutto dei CCCP,  Eros Ramazzotti, Madonna, The Smits, Violent Femmes, e ancora sempre in quell’anno, si scioglievano gli Yes, i Blondie e gli Eagles, e morivano il mitico John Belushi, per overdose a 33 anni, e il pianista jazz Thelonious Monk a 65. E se non ricordo male, la Sony e la Philips misero in commercio i primi compact disc, 2007, stampa a getto d’inchiostro su carta fotografica, 9 x 6,5 cm



english version

not wit little words          works           menù